AGCM | Conviene saperlo Diritto alla garanzia - AGCM | Conviene Saperlo
arrow

Diritto
alla garanzia

L’AGCM tutela i consumatori se i prodotti acquistati si rivelano difettosi, malfunzionanti o non rispondenti all’uso dichiarato.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato tutela i consumatori

se i prodotti acquistati si rivelano difettosi, malfunzionanti o non rispondenti all’uso dichiarato e se il venditore crea ostacoli ingiustificati o rifiuta di accettare l’esercizio di tale diritto.

La garanzia “legale di conformità” ti tutela se acquisti prodotti difettosi, che funzionano male o non rispondono all’uso dichiarato dal venditore, o all’uso cui quel prodotto è generalmente destinato.
Sono esclusi i malfunzionamenti generati da danni accidentali, uso scorretto, imperizie, ecc. Rispetto a questi danni, il venditore può proporti un’eventuale garanzia “convenzionale” a pagamento lasciandoti, tuttavia, piena libertà di accettarla o meno.

La garanzia legale di conformità per qualunque prodotto nuovo che acquisti è di 24 mesi ed è totalmente gratuita. I 24 mesi decorrono dalla data dell’acquisto, quindi devi conservare la prova dell’acquisto (lo scontrino) per far valere la garanzia.

Se utilizzi un prodotto correttamente, ma nel corso dei 24 mesi non funziona più, devi andare dove lo hai acquistato munito di scontrino (su cui sono indicati il tipo di prodotto e la data di acquisto) e chiedere che il prodotto sia riparato. Il venditore è obbligato a ritirare il prodotto e a restituirtelo riparato, senza che tu debba sostenere alcuna spesa.

Se il prodotto non è riparabile, il venditore deve sostituirlo. Anche in questo caso, non devi sostenere alcuna spesa.

Se il prodotto, invece, non è più reperibile (ad esempio perché è fuori produzione), hai diritto a un prodotto equivalente.

Nel caso di servizi (come servizi turistici, viaggi, spettacoli, eventi, ecc.) che hai pagato ma che è stato impossibile utilizzare per cancellazioni, impossibilità sopravvenuta ad erogare la prestazione, ecc. hai diritto ad ottenere il rimborso di quanto pagato.

In alcuni casi particolari (come per voli aerei e pacchetti turistici cancellati per l’emergenza covid-19) gli organizzatori possono offrirti un buono da utilizzare successivamente per altri analoghi servizi (c.d. “voucher”), ma lasciandoti la libera scelta tra il voucher oppure il rimborso in danaro.

Più informazioni sulle pratiche commerciali scorrette

Diritti correlati

AGCM
AGCM
AGCM

Diritti correlati

Resta aggiornato

sulle iniziative della campagna a tutela dei consumatori

    Facebook
    Twitter
    Instagram
    Youtube